Come ti sei ridotto

 
 

come ti sei ridotto
dall’attimo del fiato che tirasti
per rifiatare un po’ dalla monotonia:
uno, tutt’uno ancora indefinito,
impensata la singolarità che ti compone.
hai fatto polvere dell’infinita densità
e si è rappresa in grumi di materia,
hai fatto spazio al vuoto
dove galleggia oscura antimateria:
disseminate le tue contraddizioni
nelle molecole del corpo che ti incarna,
contro natura, per esercizio di vitalità.

poco più di niente
alla periferia di uno dei quartieri
che ancora ti propaga,
dove tutto strilla più di un altro strillo
dove le insegne lungo gli steccati
sui campi di battaglia, nei mercati,
unico enorme centro commerciale
per stuzzicare il crampo della voglia,
dove in mostra bambini appena nati
ottima cura – dice – per la sterilità

 
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: