icaro

 
 

risalire il vento
alla distanza che si fondono le ali:
ti raccoglie il mare
ma non sai nuotare.
più ruvida di sandali o calzari
sarà fatica la strada di ventura
e l’aria che respiri
e l’acqua e i passi
e le stagioni:
quand’è calura rintanarsi d’ombra
d’altro riparo al gelo:
ma che non resti solo
– di notte la paura
la nostalgia del vento

 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: