faccio il morto a galla

adesso che mi tuffo nello specchio

e l’acqua s’increspa appena intorno

– un attimo, che già ripiana calmo

liquido verdeblu dove distendo

arti, stanchezze, peso di pensieri –

disciolta nell’assenza di spessore

– come decorazione d’impiantito

o tessera di un mosaico esteso

quanto oggi questo immenso mare –

mi prendo gioco della gravità

faccio il morto a galla: non a(f)fondo,

semplicemente vado alla deriva

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: