Parlez-moi d’amour

Notte distende notte
e manto addormentato della luna.
Alterità sommesse delle stelle
ed io
appeso lungo un filo scendo vuoto
ovunque;
e fondo mi circonda.
E tu
notturna veste d’anima accasciata
al capezzale del mio mormorio
e raddensata attorno alla mia casa
ci disponiamo attesa
di uno stentato accenno.
Parleremo parole affusolate
appena tese
a stento pronunciate;
inutili
d’indecifrato amore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: