Odore di elicriso

Con due giorni di ritardo rispetto all’anniversario della sua scomparsa (10 maggio 1982), uno dei miei primi testi.

Leggere riflettere scrivere

elicriso_2[1]

Tu non ricordi
le dita fra i capelli
mentre chinavo il capo
ad asciugare
sgoccioli di pensieri appena nati
e dal basso
sciolta nell’aria
l’eco di altri pensieri:
altrui

È questo il mondo?
una spianata grigia:
asfalto – non lo sapevo ancora
pronunciare –
e puzza di catrame

Mi raccontasti della tua campagna
di api e del frutteto
dei grappoli dell’uva

Non ho più riccioli
neanche più colore:
nella memoria
odore di terra asciutta
e di elicriso

Tu non ricordi
madre:
la notte
insieme ai grilli
il tuo respiro

(2011)

View original post

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: