Gaza

di Giovanni Baldaccini

scrivere per immagini


Era scesa
la luna
all’altro mondo
e la stagione proponeva ore
come se fosse giorno
sparpagliavo
nel tuo campo alla fossa
le perdite di senso
i panni
le visioni
i fili torti
la vita distanziata
l’estraneità assoluta
corrosioni
io dilaniavo perdite
tranquillo
e mettevo in valigia la mancanza
la sparizione
la faccia di terrore
dall’alto
comunque da lontano
come se fossi lì mentre non c’ero
tu
mi dicono ci fossi:
sparavo.


View original post

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: