volevo andare a vedere la partita

 

quando non c’era la tivvù, non mi credete?
c’è stato un tempo che non c’era la tivvù,
per mia fortuna c’ero. anche curiosa.
volevo andare a vedere la partita
allo stadio con mio padre e mio fratello
e invece no: tu sei una femminuccia
devi restare a casa con mammà.
ecco, fu allora che risposi, o forse lo pensai
– perché io da bambina ero educata –
ci credete davvero a ‘sta stronzata?
per quanto mi riguarda, non ci ho creduto mai.
da allora sono passati più di sessant’anni
quasi settanta ormai,
ma se mi guardo intorno è lo sconforto
quando mi sento dire:
e che al cinema o al bar ci vado sola?
è come quando studi un’altra lingua,
il femminismo dico,
non basta una corretta traduzione
o ripetere in coro frasi fatte,
devi pensare per davvero in quella lingua
se la vuoi parlare.

 

 

Annunci

21 pensieri su “volevo andare a vedere la partita

  1. Mio padre, che desiderava ardentemente un figlio maschio s’è ritrovato in un sol colpo due femmine gemelle. S’è ripreso solo verso i novant’anni, quando l’accudimento femminile gli era necessario. Ma io, anche da piccola, non ho mai desiderato essere maschio. Sono stata sempre fiera del mio essere donna. Combattiva, ribelle, libera. E allo stadio, da ragazza, ci sono andata di nascosto. Viva le donne. (E viva gli uomini!) (Soprattutto quelli… belli!🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.