ci sono parole

 

Ci sono parole che riempiono la bocca, come quando mordi un maritozzo con la panna e poi ti lecchi i baffi per la soddisfazione. Per me, fatti sempre salvi maritozzo e panna, sono parole indigeribili, indigeste. Per come le si usa, quasi sempre a sproposito, senza sapere in realtà di che si parla.
Ma riempiono la bocca, fanno altrettanto solo gli insulti, le bestemmie. Sarà anche per questo che non mi vanno giù. Per la volgarità gratuita, offensiva per l’intelligenza, di un alibi che non regge alla prova di realtà. Perché questo diventano certe parole al servizio di una nefasta inflazione di coscienza, che vorrebbe celare – e invece svela a chi la sa vedere – arretratezza e primitività.
Quante volte ho sentito anche nel mio ambiente – quello dell’analisi, della psicologia del profondo, ma non solo – l’entusiasmo per l’incontro inaspettato (generalmente nei sogni) con la Magna Mater, con il Vecchio Saggio, con il puer, o con una qualunque delle divinità olimpiche, o con la figura dell’eroe, colui (è sempre un maschio!) che sconfigge una volta per tutte il drago (dell’inconscio = femmina) e sancisce il trionfo dell’Io cosciente sulle forze oscure. Ecco, sto parlando di “archetipi”, modelli arcaici della percezione e dell’immaginazione.
Sono “modelli” e sono “arcaici”. Che ci sarà da entusiasmarsi tanto? Probabilmente è la loro capacità – abilmente sfruttata dal pensiero dominante – di sostituirsi a una percezione realistica e attuale del mondo umano e sociale, anche nei suoi modelli di relazione, proponendo presunte verità eterne e universali: l’alibi, appunto, per non esercitare alcuna critica e per non cambiare niente.

 

 

Annunci

12 pensieri su “ci sono parole

    • non giustifica, certo, ma può aprire la strada a maleducazione e primitività se riesce ad annullare la funzione critica della coscienza, come spesso accade, generando hybris, arroganza. Il confronto con gli archetipi è arduo, ma non impossibile.

      Piace a 1 persona

  1. Non sarà l’alibi alla pigrizia? Definire nuove categorie, coniugare nuove parole, costa fatica, occorre comunque una attività di analisi del vissuto reale, poi una sintesi critica, insomma lavoro. Affondare mollemente nei giacigli caldi di un archetipo, di parole già scritte e solo da ripetere, è talmente piacevole è rilassante. Non sarà solo la pigrizia a farci riempire la bocca di parole di tutti? Mi chiedo ti chiedo.

    Mi piace

  2. “… è la loro capacità – abilmente sfruttata dal pensiero dominante – di sostituirsi a una percezione realistica e attuale del mondo umano e sociale, anche nei suoi modelli di relazione, proponendo presunte verità eterne e universali: l’alibi, appunto, per non esercitare alcuna critica e per non cambiare niente.”

    e il sonno della coscienza genera mostri.

    Piace a 1 persona

  3. parole colme del loro senso (come i maritozzi di panna) ci accalappiano e ci barcamenano e, infelici, non troviamo le parole nuove della verità soggettiva

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.