Iosif Brodskij, Conversazioni

 

 

” […] chiunque si dia da fare per creare dentro di sé un proprio mondo indipendente, è destinato prima o poi a diventare un corpo estraneo nella società e a essere soggetto a tutte le leggi fisiche della pressione, della compressione e dell’estrusione”

 

(intervista a I. Brodskij di Michael Scammell, 1972, in Conversazioni, Adelphi, 2015, p. 39)

 

 

Annunci

Iosif Brodskij, la poesia

 

 

«Nel processo compositivo egli [il poeta] arriva a fondere il razionale con l’intuitivo, affermazione e negazione. Il poeta, in altre parole, è l’animale più sano: combina analisi e intuizione – analisi e sintesi – per giungere al risultato, alla rivelazione. Per questo la poesia è il più efficace acceleratore mentale»

(da Iosif Brodskij, Conversazioni, Adelphi, Milano 2015)

 

 

 

I. Brodskij

Intanto, per offrire alla lettura qualcosa di straordinario, una poesia di Iosif Brodskij (morto oggi 22 anni fa)

i. Brodskij

Cos’è questa? Tristezza? Chissà, forse.
Un motivo che conosci a memoria.
Che sempre si ripete. E sia.
Che continui così.
E risuoni anche nell’ora estrema,
come la gratitudine degli occhi
e delle labbra per ciò che qualche volta
ci costringe a guardare lontano.