nonessere

 

 

 

temo di nonessere, perché, come tu sai,
non sei se non ti riconosci in qualche specchio,
anche solo un frammento di bicchiere,
o nell’occhio di qualcuno che ti veda
– che se non c’è, non c’è  –

temo di nonessere, dicevo, e non so più che fare…
…non ti aspettare niente – dice – e tu, in fondo,
cosa volevi fare?

 

 

 

 

 

Annunci