vanto

 

 

 

 

se non posso cancellare quel dolore
né il suo sfarzo
– perché è sontuoso come un lusso immotivato –
allora me ne faccio un vanto
come mi faccio vanto della dignità.

 

 

 

 

Annunci

dilemma

(Carlo Ravaioli, Verità nascosta)

(Carlo Ravaioli, Verità nascosta)

mi stupisce l’acrimonioso vanto
di un desiderio in volo
dietro la scia di un’apparenza d’aria
mentre cadono scarti di coscienza
tra i refusi dell’inconscietà
e d’altra parte   questo mio rovello
che la vergogna d’esistenza cruda
ammutolisca l’eco di parole   offese
dall’afasia fluente della banalità